Dal 2012 il centro di studio e documentazione ufficialmente riconosciuto dalla S.S. Lazio

I’m football crazy: quando Gabriella Ferri cantò per Long John!

di Giorgio Bicocchi

ferri e chinaglia1974: c’era chi segnava a raffica, come Giorgio Chinaglia, trascinando la Lazio verso il primo scudetto della sua storia. E c’era chi, nel mondo della musica, incideva il suo settimo album, “Rimedios”, componendo una riuscitissima miscela tra tradizione latino-americana e romana. La cantante che faceva emozionare era Gabriella Ferri, allora poco più che trentenne, nata a Testaccio ma, piccolissima, portata a vivere nel cuore di San Giovanni.

Due destini a confronto, due autentici predestinati, nel calcio e nello spettacolo, che, all’improvviso, un giorno del ‘74, si conobbero: il Centro Studi è venuto infatti a conoscenza, da parte di coloro che assistettero a quell’incrocio tra personalità fortissime, di testimonianze ed aneddoti davvero divertenti. Che ora vi raccontiamo.
Erano le stagioni, quelle, in cui Gabriella Ferri “bucava” (eccome) anche il teleschermo: straordinari successi, sul primo Canale della Tv di Stato, furono infatti “Dove sta Zazà” e “Ammazzabubu’’”. Dunque, come si incontrarono Long John e Gabriella Ferri? Il punto di contatto furono i fratelli Guido e Maurizio De Angelis che, per la Ferri, arrangiarono molti suoi successi musicali e che, quell’anno, lo storico (per noi) 1974, curarono la colonna sonora di un film molto divertente, “L’arbitro”, interpretato da un disinvolto Lando Buzzanca per la regia di Luigi Filippo D’Amico.
A Guido De Angelis, più in particolare, balenò l’idea di coinvolgere Long John nella colonna sonora del film. Giorgio aveva tutte le virtù del mondo (almeno per tutti i Laziali che si reputino tali) ma certo il timbro di voce non era un suo cavallo di battaglia. Si prestò però volentieri all’iniziativa, divertendosi anche molto. Tramite il decisivo apporto di Angelo Tonello, storico dirigente della Lazio di Lenzini e non solo, Giorgio accettò di cantare la colonna sonora del film, venendo così catapultato all’interno degli studi della RCA, lungo via Tiburtina, per dare vita a “I’m football crazy”, melodia molto orecchiabile che l’accompagno’ anche nelle scoppiettanti annate vissute al Cosmos.
Puntualmente allegati a questa divertente ricostruzioni, troverete la copia della copertina del disco e una delle sequenze del film “L’arbitro”, con l’inconfondibile sagoma di Lando Buzzanca, uno degli attori più versatili del cinema italiano.
Contestualmente all’arrivo di Long John, anche Gabriella Ferri piombò negli studi della RCA per l’incisione di “Rimedios”. Fu logica conseguenza, pertanto, che – necessitando “I’m football crazy” di un piccolo ausilio corale –Gabriella Ferri ed altri cantanti, anche complice il clima di cordialità che si era instaurato, vennero temporaneamente impiegati per dare manforte alla melodia cantata da Long John. Che, al primo tentativo, peraltro, azzeccò l’interpretazione, subito avallata dai fratelli De Angelis.
Due fenomeni, nel calcio e nella musica, uniti dalla stessa, malinconica fine, Giorgio e Gabriella Ferri. Long John, come è noto, mori’ in Florida, a 65 anni, la Ferri, a Corchiano, in provincia di Viterbo, ad appena 62.