Dal 2012 il centro di studio e documentazione ufficialmente riconosciuto dalla S.S. Lazio

LA LAZIO HA DIRITTO ALLO SCUDETTO 1914-15

2017_04_evQualcuno – dall’altra parte del Tevere – aveva insinuato che sulle vicende del raggruppamento dell’Italia Meridionale si fossero “consumate argomentazioni fallaci, utilizzando parziali ricostruzioni giornalistiche ed inducendo in errore grossolano la c.d. commissione dei saggi”, sul presupposto che all’epoca sarebbe stata annullata solo la prima delle partite tra le squadre napoletane e non la seconda; avendo l’Internazionale Napoli successivamente vinto il match del 16 maggio, avrebbe guadagnato il diritto ad incontrare la Lazio nella semifinale nazionale.
Tale circostanza, inoltre, sarebbe stata ben conosciuta dall’Avv. Gian Luca Mignogna, che avrebbe omesso di esporla allo scopo di indurre in errore la commissione federale.
Ma la realtà è ben diversa.
Infatti, l’articolo de Il Roma (giornale di Napoli) del maggio 1915 – trovato dal Centro Studi Nove Gennaio Millenovecento – conferma invece che entrambe le partite tra Internazionale Napoli e Naples furono annullate e smentisce inconfutabilmente l’errata ricostruzione avversaria.
La Lazio fu dunque l’unica squadra italiana ad aver concluso e vinto il proprio girone al momento della sospensione bellica, mentre gli altri gironi non vennero mai completati: quello del nord a causa del rifiuto del Genoa di anticipare l’ultima giornata (come disposto dalla F.I.G.C.); quello del sud a causa dell’annullamento delle partite per irregolare tesseramento di alcuni calciatori.
La scoperta del Centro Studi Nove Gennaio Millenovecento è stata pubblicata da Il Tempo, con un pezzo a firma di Luigi Salomone.