Dal 2012 il centro di studio e documentazione ufficialmente riconosciuto dalla S.S. Lazio

Luigi Bigiarelli, l’atto di nascita

Luigi Bigiarelli-wPiazza di Santa Marta: l’atto di nascita di Luigi Bigiarelli riporta che qui – nel cuore delle zone vaticane – il fondatore della Lazio nacque il 20 agosto 1875, figlio di Mariano Bigiarelli e Rosa Manni. Luigi, Bernardo, Maria Saverio: ecco i nomi che gli furono imposti, come indicato dal suo atto di nascita.

Scampato alla disfatta di Adua, dove l’esercito etiope uccise oltre cinquemila soldati italiani, perché seppe schivare, abilissimo nel correre, le pallottole nemiche: fu questo il segreto che riporto’ Luigi in Italia. Folgorato dall’eco dei primi Giochi Olimpici di Atene del 1896, annoto’ su una agenda personale (di cui il Centro Studi, nei mesi addietro, ha pubblicato diversi stralci inediti) il suo sogno di fondare una società sportiva che condensasse il maggior numero di discipline possibili.
Lui, podista, ma pure nuotatore, che, nel massimo dell’olimpismo dell’epoca e della voglia di cimentarsi in molteplici sport, era solito – quando le piene del Tevere non glielo impedivano – risalire le acque da Ponte Mollo fino a Ponte Regina Margherita.
Nel ricordo delle prime Olimpiadi moderne e in ossequio ai colori della Grecia (la nazione che ospito’ i Giochi del 1896) vennero scelti, il 9 gennaio 1900, su una panchina di Piazza della Libertà, i colori bianco e celeste e quel nome – Lazio – che, ancora oggi, a centoquindici anni di distanza, fa palpitare i cuori di oltre un milione di appassionati e di altrettanti simpatizzanti.
Un ideale di sport e di vita da veicolare ai giovani aquilotti ed aquilotte delle prossime generazioni. Di padre in figlio, senza cedere un millimetro.