Dal 2012 il centro di studio e documentazione ufficialmente riconosciuto dalla S.S. Lazio

Mariano Bigiarelli e Rosa Manni, ‘i nonni della Lazio’

di Giorgio Bicocchi

mariano bigiarelli e rosa manniwtmwtmUn po’ di civetteria, a volte, non guasta: i ricercatori del Centro Studi sono stati i primi – lo scorso 8 novembre – a svelare agli appassionati biancocelesti la storia (o meglio, il romanzo) di Giacomo Bigiarelli, il fratello più giovane di Luigi, il nono fondatore, l’uomo di cui si erano perse le tracce. 

O che forse mai erano state compiutamente identificate. Non solo: lo scorso 2 aprile vi avevamo svelato la foto di Anna Bigiarelli – una delle due sorelle di Luigi e di Giacomo – assieme a quella del marito, Oreste Pollini.
Bene, era destino che il raccolto dovesse ulteriormente dilatarsi. Oggi, infatti, pubblichiamo la foto del papà e della mamma di Luigi e Giacomo Bigiarelli: se ci eravamo divertiti ad etichettare Anna Bigiarelli con il soprannome affettuoso di ‘zia della Lazio’ , per gli effetti della proprietà transitiva non possiamo non definire Mariano Bigiarelli e Rosa Manni come i ‘nonni della Lazio’.
E’ un’altra scoperta storica, inutile girarci attorno, che consegnamo all’intero popolo biancoceleste. Pantaloni chiari, panciotto, soprabito scuro, baffi e pizzetto: ecco, allora, in una delle due foto che proponiamo, Mariano Bigiarelli, il papà di Luigi e Giacomo, con i quali denota, peraltro, una spiccata somiglianza.
Viso rotondo, capelli ordinatamente raccolti, ecco invece Rosa Manni, la mamma di due dei fondatori della Lazio. Rosa, come e’ noto, morì giovanissima, facendo propendere Mariano Bigiarelli a convolare in seconde nozze con Giulia Bellotti, erede di una facoltosa famiglia romana dell’epoca. Nomi, ricerche e ricostruzioni che, come certo ricorderà chi segue con affetto il sito del Centro Studi, avevamo già rappresentato negli approfondimenti dedicati alla vita di Giacomo, pubblicati lo scorso 8 novembre.
Ora si può dire che il cerchio si chiuda: con le foto inedite di Mariano Bigiarelli e Rosa Manni, finalmente strappate all’oblio, sappiamo l’origine di quella coinvolgente, emozionante, unica ed irripetibile passione chiamata Lazio!