Dal 2012 il centro di studio e documentazione ufficialmente riconosciuto dalla S.S. Lazio

Montanari, il mediano farmacista

di Giorgio Bicocchi

MontanariSei anni di Lazio, dal ’48 al ’54, tutti d’un fiato. Dividendo gioie (parecchie) e delusioni con compagni eccellenti. Una sfilza di grandi giocatori, sparsi nell’arco di stagioni biancocelesti vissute spesso in copertina. I fratelli Sentimenti, tanto per cominciare (Lucidio, Primo e Vittorio). E poi Flamini, Gualtieri, Remondini, Malacarne, Alzani, Furiassi, Fuin, Bergamo, Hofling, Remondini, Burini, Penzo, Vivolo.

Gente che, in quelle stagioni – in cui la Lazio teneva orgogliosamente testa alle corazzate del Nord, timbrando piazzamenti onorevolissimi – faceva impazzire, con una raffica di prodezze, i tifosi dello stadio ‘Torino’.
Serafino Montanari, classe ’21, scomparso nell’88, ferrarese purosangue, ha vestito la maglia biancoceleste per sei stagioni. Con grande trasporto ed entusiasmo come il materiale fotografico – signorilmente consegnato al Centro Studi dalla sua famiglia – dimostra ampiamente. Nato centravanti in campo, poi, gradualmente, retrocesso nella fascia nevralgica, diventando mediano di sostanza ma pure di buoni colpi. Quasi novanta gettoni equamente ripartiti nelle stagioni laziali, condite anche da un gol.
Terminata l’esperienza biancoceleste, fu allenatore, accettando senza remore incarichi su e giù per lo Stivale. Ragazzo pieno di virtù, Serafino. Capace poi di laurearsi e di portare avanti una farmacia proprio nel centro di Ferrara, poi tramandata ai figli. Ricordando sempre con orgoglio quei sei anni respirati alla ‘Rondinella’, dove quelle Lazio, ogni giorno, si allenavano.