Dal 2012 il centro di studio e documentazione ufficialmente riconosciuto dalla S.S. Lazio

S.S. Lazio Pallamano. La forza della tradizione

di Giorgio Bicocchi

Trentatré anni di vita: la Lazio Pallamano ha attraversato momenti magici alternati a crisi profonde. In linea, insomma, con molte altre sezioni del movimento, calcio incluso. Fondata del 1980, ha iniziato a giocare nei vecchi impianti della Farnesina, zona nord di Roma. La prima svolta arrivo’ nell’85, con l’ingaggio di giocatori di livello come Langiano, Pargoletti, Jurgens. Gli orizzonti, d’incanto, mutarono e la Lazio decise di esibirsi al Palazzetto dello Sport, dando progressivamente la scalata al movimento.


Tre stagioni di fila in serie A1, dal ’90 al ’93, nonostante una violenta crisi economica abbia indotto il Presidente della Lazio Generale dell’epoca, Renzo Nostini, a deliberare un finanziamento collettivo per salvare la sezione. Con Gian Chiarion Casoni (una famiglia al servizio della Lazio in vari decenni) eletto Presidente, la squadra visse l’apogeo del suo splendore: quarto posto in serie A1, play-off scudetto al vento per colpa di una sola rete.
Da allora sono stati vissuti periodi pieni di chiaroscuri. Promozioni, discese a precipizio, emorragie finanziarie, sponsors perduti: la sezione mai, pero’, ha smarrito la propria identità ed il proprio senso di appartenenza ai colori biancocelesti. Oltre alla “prima squadra” la società ha deciso di puntare risolutamente sulle formazioni minori, potenziando, pertanto, il proprio serbatoio di future risorse, togliendo tanti ragazzi dalla strada, dando loro un pallone ed una rete da gonfiare. Dopo continui saliscendi tra la massima serie e il campionato cadetto, la Lazio Pallamano, quest’anno, allenata da Pino Langiano, è tornata a militare in serie A (girone C), nel torneo in cui, per tradizione, meriterebbe sempre di giocare.